Digitalizzazione in azienda, su cosa puntano le PMI italiane

Digitalizzazione in azienda, su cosa puntano le PMI italiane

29 ottobre 2018

Negli ultimi anni il mondo dell’imprenditoria, anche in Italia, sì è avvicinato in maniera particolare alle nuove tecnologie. Gli schemi produttivi dell’Industria 4.0 sono ritenuti dalla maggior parte delle aziende come l’unica ancora di salvataggio dalla crisi e per crescere anche a livello internazionale.

Per capire in quali settori inerenti l’Industria 4.0 le PMI italiane stiano investendo maggiormente, bisogna rifarsi ai numeri emersi dalla seconda edizione della ricerca nazionale sullo stato di digitalizzazione del Paese, svolta su oltre 500 aziende e realizzata dalla Scuola dell’Innovazione di Talent Garden, Cisco Italia, ENEL e Intesa Sanpaolo, con il supporto dei ricercatori del Master in Digital Transformation per il Made in Italy. Per quanto riguarda le tecnologie più richieste troviamo il Cloud computing che interessa al 35% delle PMI intervistate, l’Internet of Things (33%), il Machine Learning (28%) e infine la Blockchain (27%).

Figure professionali dell’Industria 4.0

Le tecnologie innovative da usare nell’impresa per crescere e diventare sempre più produttivi però non sono l’unico obiettivo prefissato dai vari imprenditori italiani. Per migliorare a livello tecnologico molte PMI contano di assumere delle figure professionali specializzate, su tutte il Digital Marketing Specialist (34%), seguito dal Data Analyst (26%) e dal Digital Officer (23%). Per dare una spinta alla digitalizzazione le PMI hanno capito che non basta acquisire gli strumenti necessari ma è ancora più importante avere all’interno dell’impresa una figura professionale che sappia come sfruttare al massimo le nuove tecnologie e come trasformarle in un vantaggio.

PMI italiane e digitalizzazione

Le PMI intervistate nella ricerca, che ha coinvolto solo aziende con un fatturato non superiore ai 50 milioni di euro, hanno evidenziato come tutte credano fortemente nella digitalizzazione per crescere a livello nazionale e internazionale. Il 67% degli imprenditori italiani ritiene infatti, che l’innovazione impatti principalmente sull’acquisizione di un vantaggio competitivo rispetto alla concorrenza locale, il 49% è convinto che questi investimenti influiscano sull’aumento della produttività, il 48% pensa maggiormente al miglioramento della qualità percepita dei clienti e infine il 47% vede la digitalizzazione come occasione per migliorare la qualità interna del lavoro. Nonostante non sia un periodo semplicissimo la maggior parte delle PMI italiane sta vivendo con entusiasmo il passaggio al digitale tanto che l’86% degli imprenditori intervistati dichiara di aver investito parte del capitale per acquisire nuove tecnologie o nuove figure professionali. Ad investire di più nell’Industria 4.0 sono le imprese nate negli ultimi anni, a conferma della difficoltà delle aziende non native digitali ad adattarsi ai trend delle nuove tecnologie.

 

https://quifinanza.it/pmi/digitalizzazione-in-azienda-su-cosa-puntano-le-pmi-italiane/215044/

Archivio news

 

News dello studio

gen1

01/01/2019

Commercialisti Associati crescono

L'anno 2019 inizia con una importante collaborazione lo Studio Migliorini del Dr. Aldo Migliorini, presente sul territorio da più di 40 anni è confluito con un accordo di collaborazione

ott29

29/10/2018

Digitalizzazione in azienda, su cosa puntano le PMI italiane

Negli ultimi anni il mondo dell’imprenditoria, anche in Italia, sì è avvicinato in maniera particolare alle nuove tecnologie. Gli schemi produttivi dell’Industria

ott29

29/10/2018

DECRETO DIGNITÀ/ Articolo 8, la deroga da cui può passare l’Industria 4.0

Il cosiddetto Decreto dignità si fonda sul presupposto che irrigidendo le regole del rapporto di lavoro si crei più sicurezza e più occupazione. L’idea non è nuova e,

News

giu17

17/06/2019

Contributo unificato tributario con PagoPA in tutta Italia

Il pagamento del contributo unificato

giu17

17/06/2019

Fondo di garanzia TFR: come opera in caso di trasferimento d'azienda

L’INPS, nel messaggio n. 2272 del 2019,

})