Dicembre “di fuoco” per i contribuenti: tutte le scadenze del mese

Dicembre “di fuoco” per i contribuenti: tutte le scadenze del mese

25 novembre 2019

Il mese di dicembre si può definire il periodo più difficile dell’anno per i contribuenti, a causa delle tasse che arriveranno in scadenza tra il 2 e lil 16 del mese, e che costringeranno gli italiani a sborsare letteralmente miliardi di euro diretti alle casse dello Stato o, in qualche caso, dei comuni di appartenenza.

La prima data rossa, o meglio nera, sul calendario è quella del 2 dicembre. Il primo lunedì del mese arrivano a scadenza tutte quelle imposte che normalmente si pagano il 30 novembre, che però cade di sabato e dunque tutto è stato posticipato al primo giorno lavorativo utile. Il 2 dicembre scade infatti il termine per l’invio dei dichiarativi fiscali per persone fisiche, società di persone e di capitali, e per la presentazione del modello Irap. Tutti questi soggetti saranno tenuti a presentare i loro 730 o modello unico.

Ancora, il 2 dicembre i titolari di partita IVA devono versare la liquidazione periodica del terzo trimestre. Inoltre, scade il termine per pagare il secondo acconto delle imposte dirette quali Irpef, Ires e Irap. Non è finita: il 2 dicembre ci sarebbe stata la scadenza delle rate di rottamazione del saldo e stralcio, che però è stata posticipata al 9 dicembre.

 

Sempre entro il 2 dicembre, le partite IVA soggette a regime forfettario pagheranno il secondo acconto dell’imposta sostitutiva. I professionisti iscritti alla gestione separata devono versare un acconto pari al 50% dei contributi alla cassa previdenziale.

Il gettito fiscale in arrivo il 2 dicembre porterà nelle casse dello Stato qualcosa come 28 miliardi di euro. Si tratta di una cifra che supera i quasi 27 miliardi dell’altro giorno nero del fisco italiano, il 18 novembre, quando le aziende hanno versato allo Stato l’Iva e le ritenute Irpef di dipendenti e collaboratori.

Ma non è finita qua con le scadenze fiscali dell’ultimo mese dell’anno. Il 16 dicembre, come di consueto, arriva anche la scadenza delle tasse sulla casa. I proprietari di seconde case, di case di lusso, di immobili commerciali, di terreni, negozi ed aree edificabili sono tenuti a pagare l’Imu, oltre alla Tasi, la tassa comunale per i servizi quali manutenzione delle strade, pubblica illuminazione. Questo probabilmente sarà l’ultimo anno del pagamento di IMU e Tasi, che dall’anno prossimo diventeranno un’unica imposta con l’abolizione della tassa sui servizi.

 

fonte: https://quifinanza.it/fisco-tasse/dicembre-di-fuoco-contribuenti-scadenze-mese/329846/

Archivio news

 

News dello studio

dic3

03/12/2019

Fattura elettronica, attenzione alle sanzioni (anche) per il mancato pagamento del bollo

I consigli per gestire al meglio la fattura elettronica. Con l’entrata in vigore dell’obbligo di fatturazione elettronica, le nuove disposizioni per i contribuenti possono generare

nov27

27/11/2019

COMMERCIALISTI ASSOCIATI DIVENTA CONFIMEA POINT

A seguito dell'accordo siglato con Asapi CONFIMEA, lo studio Commercialisti Associati è anche Confimea Point, potendo offrire il servizio di conciliazione in camera protetta, ente bilaterale, espandendo

nov25

25/11/2019

Dicembre “di fuoco” per i contribuenti: tutte le scadenze del mese

Il mese di dicembre si può definire il periodo più difficile dell’anno per i contribuenti, a causa delle tasse che arriveranno in scadenza tra il 2 e lil 16 del mese, e

News

dic7

07/12/2019

Le ombre grigie delle modifiche al decreto fiscale

Nel tentativo di rimediare ad alcune storture,

dic7

07/12/2019

Riders: perché non pensare a un salario minimo differenziato per Regione

La legge di conversione del decreto sui

})